Per molti ma non per tutti: scrivere per il tuo target

TargetQualche giorno fa ho letto un articolo di Seth Godin che parlava della comunicazione dei Brand e del target giusto (se non sai chi è Seth Godin ti consiglio di dare subito un’occhiata al suo Blog).

Diceva che un Brand non può piacere a tutti, “it might not be for you”, ma piacere a quella fetta di mercato che si desidera raggiungere.

In parole povere, se vuoi lanciare un prodotto, un servizio o anche semplicemente aprire un blog, per avere successo devi puntare ad un target specifico, non a chiunque.

Naturalmente a volte, anzi direi spesso, contro ogni previsione, il tuo Brand potrebbe interessare anche a persone che non ti aspettavi.

Tuttavia non è prevedibile.

Il tuo Brand può piacere a tutti?

Per una comunicazione efficace e mirata, bisogna fare alcune considerazioni di base.

Leggi anche:  Con che frequenza pubblicare sul Blog?

Quando acquisti un prodotto pensi che potrebbe piacere a tutti?

Io direi che è impossibile.

Esiste qualcosa di così generalista da interessare a chiunque?

Non credo.

Preferisci un prodotto che sia un po’ per tutti, ma che in fondo non sia specifico per nessuno, o costruire una nicchia (anche consistente) che potrebbe potenzialmente diventare il tuo Ambassador?

Io sceglierei quest’ultima.

Prendiamo ad esempio una crema per il viso.

Generalmente la maggior parte delle donne ne usa una, e questo taglia fuori già una buona parte di mercato,  quello maschile.

Ma la crema avrà anche delle caratteristiche specifiche:

  • Per pelli giovani o mature;
  • Secche, miste o grasse;
  • Con o senza filtri solari;
  • Fascia di prezzo bassa, medio o alta.

Ognuna di queste caratteristiche, e poi tutte insieme, definiranno il tuo target.

Pensi ancora che un prodotto, una comunicazione, un servizio possa andare bene per tutti?

Leggi anche:  Come correggere o evitare i contenuti duplicati su un Blog

Può sembrare scontato, ma in realtà essere consapevoli che il tuo prodotto o servizio è per molti ma non per tutti, è un passaggio fondamentale.

Se ti stai chiedendo a quali settori sia applicabile questo concetto, la risposta è TUTTI.

Hai un Brand di occhiali? Una società di servizi? Un ristorante?

Il tuo target non è chiunque, ma solo chi può apprezzare ciò che offri.

Hai un blog di successo? 

Anche in questo caso scrivi per chi può apprezzare i tuoi contenuti, non per tutti.

Come dice Seth Godin, se hai voglia di ascoltare Chopin, non lo cercherai nel Jukebox di un bar e quindi chi cerca gossip non lo cercherà da te che parli di tecnologia.

Leggi anche:  Lavorare come Copywriter: 5 skills che non ti aspetti

D’altronde io scrivo contenuti su blogging, content marketing, digital, il mio Blog potrebbe interessare  chi sta cercando articoli sul cucito?

Sicuramente no, anche se ovviamente niente vieta ad un’appassionato di cucito di leggere anche articoli di questo settore.

Come trovare il tuo target?

Rifletti bene  su che tipo di persone potrebbero essere interessate al tuo prodotto/servizio/sito/blog ecc.

Individua almeno queste aree:

  • Demografica: Anni, Genere, paese, ecc;
  • Interessi e Abitudini;
  • Tipologia di utente: Privati o Professionisti;

Un tool molto utile per trovare alcune informazioni è Semrush Market Explorer.

Una volta stimato il tuo target, non ti resta che incrociare i dati con strumenti come Analytics.

Ricorda che il target non è mai un punto di arrivo, ma un processo in continua evoluzione.

 

2 pensieri riguardo “Per molti ma non per tutti: scrivere per il tuo target

I commenti sono chiusi.